Il progetto

This post is also available in: Sloveno

Il progetto nasce per poter perseguire standard rispondenti alle esigenze di sicurezza e competitività dell’intero sistema portuale del Nord Adriatico, attraverso lo sviluppo di strategie e attività congiunte per la prevenzione e riduzione dei rischi ambientali e industriali nelle aree portuali di Ravenna, Chioggia, Venezia, Monfalcone, Nogaro, Trieste e Koper. L’attuale situazione di questi porti negli ambiti della sicurezza e della tutela ambientale si presenta infatti fortemente disomogenea.

Le sinergie previste porteranno a un incremento della competitività del sistema ma al tempo stesso assicureranno – attraverso procedure standardizzate e accordi specifici – una maggiore attenzione alla tutela del territorio e dell’ambiente e un aumento delle misure di prevenzione degli infortuni sul lavoro in ambito portuale, adeguando al contempo le normative di settore italiane e slovene.

La valenza strategica del progetto consiste nel promuovere la realizzazione di una serie di interventi volti a migliorare la prevenzione e la gestione dei rischi industriali ed ambientali nelle aree portuali, con il fine più generale di voler contribuire al miglioramento dell’integrazione territoriale e della comunicazione tra le realtà portuali della Regione Friuli Venezia Giulia, della Regione Veneto, della Regione Emilia Romagna e della Repubblica Slovena.
Dal punto di vista operativo, il sistema dei porti dell’Alto Adriatico ha riscontrato la necessità di concentrare l’attività su alcune problematiche comuni:

  • le emergenze e gli incidenti rilevanti in ambito portuale;
  • il contenimento dell’inquinamento atmosferico derivante dal compendio navale e logistico portuale;
  • i rischi e gli effetti prodotti dallo sversamento in mare di merci pericolose o sostanze inquinanti;
  • la carenza e la disomogeneità dei dati relativi agli infortuni sul lavoro in ambito portuale;
  • i rischi derivanti dalla movimentazione di merci pericolose nei porti.

Il progetto prevede l’implementazione congiunta di un “pacchetto sicurezza e prevenzione dei rischi ambientali”: il primo finalizzato all’aumento degli standard di sicurezza in ambito portuale, l’altro a migliorare il livello di protezione dell’ambiente nelle aree portuali interessate.