Ambito Ambiente

This post is also available in: Sloveno

Ambito ambiente – Tutela dell’ambiente

Emissioni in ambito portuale

L’ambito portuale è oggetto di fonti di potenziale inquinamento atmosferico fortemente connesse alle attività portuali (es. polveri sottili, fumi da nave etc.) che sono causa di danni ambientali, intesi sia come danni alla salute delle persone sia come danni al patrimonio immobiliare del contesto urbano. L’intenzione del partenariato è definire metodologie e strumenti innovativi condivisi relativi alla problematica delle immissioni al fine di:

  • creare un modello concettuale condiviso per la riduzione dell’inquinamento atmosferico derivante dal comparto navale e da quello logistico-portuale;
  • definizione di una policy ambientale comune finalizzata alla mitigazione dell’impatto del sistema portuale sulla qualità dell’aria degli ambiti urbani di riferimento
  • miglioramento della qualità di vita delle persone che gravitano non solo nell’ambito urbano prossimo all’aree portuali, ma anche nel territorio circostante.

Sversamento in mare di inquinante

L’attività dei partner è funzionale alla condivisione delle informazioni relative ai pericoli derivanti dallo sversamento di merci pericolose che possono disperdersi in mare, con l’obiettivo di contribuire alla prevenzione e mitigazione dei rischi di inquinamento del mare e delle zone costiere, in particolare quello dovuto allo sversamento di sostanze pericolose, che è un fattore caratterizzato da una forte valenza non solo dal punto di vista della sicurezza, ma anche dal punto di vista dell’impatto economico sull’area-programma. L’impegno del partenariato è quello di definire un modello comune per la valutazione degli effetti di sostanze inquinanti in mare e per la determinazione di modalità di disinquinamento appropriate.
Partendo dalle esperienze maturate da ciascun partner in merito alla prevenzione e riduzione dei rischi di inquinamento derivanti dal trasporto via mare di sostanze pericolose e individuando le migliori pratiche adottate sarà possibile:

  • creare un modello concettuale condiviso per la riduzione dell’inquinamento atmosferico derivante dal comparto navale e da quello logistico-portuale;
  • definire una policy ambientale comune finalizzata alla mitigazione dell’impatto del sistema portuale sulla qualità dell’aria degli ambiti urbani di riferimento;
  • migliorare la qualità di vita delle persone che gravitano non solo nell’ambito urbano prossimo all’aree portuali, ma anche nel territorio circostante.